auto feminized seeds vs feminized

Semi autofiorenti vs femminizzati

Il dibattito tra semi autofiorenti e semi femminizzati è di lunga data nella comunità cannabica.

Entrambi hanno i loro pro e contro, quindi può essere difficile decidere quale tipo di seme è giusto per te.

Ecco una ripartizione delle principali differenze tra semi di cannabis autofiorenti e femminizzati per aiutarti a prendere la decisione migliore per la tua coltivazione.

I semi femminizzati sono autofiorenti o regolari?

Questa è una domanda comune posta dai coltivatori di cannabis.

La risposta è che dipende dal tipo di seme femminizzato che hai.

Semi auto femminizzati vs femminizzati – ci sono due tipi principali di semi femminizzati: autofiorenti e regolari.

I semi autofiorenti fioriranno automaticamente indipendentemente dal ciclo di luce, mentre i normali semi femminizzati necessitano di un ciclo di luce specifico per fiorire.

Quali sono le differenze?

La principale differenza tra semi autofiorenti vs femminizzati è che i semi autofiorenti inizieranno a fiorire automaticamente dopo un certo periodo di tempo, indipendentemente dal ciclo di luce, mentre i semi femminizzati fioriranno solo quando sono esposti a 12 ore di oscurità ininterrotta al giorno.

Dovrei comprare semi femminizzati regolari o semi a fioritura automatica

Ciò significa che è possibile coltivare piante autofiorenti all’interno o all’esterno, ma le piante femminizzate, ma le piante femminizzate, devono essere coltivate in casa dove è possibile controllare il ciclo della luce.

Le piante provenienti da semi autofiorenti sono solitamente più piccole e più compatte dei semi femminizzati, il che le rende più adatte per le operazioni di coltivazione furtiva.

E poiché non si basano su un cambiamento nel ciclo di luce per iniziare la fioritura, le autofiorenti possono essere raccolte in appena 8 settimane dal seme.

Le piante femminizzate, d’altra parte, in genere impiegano 10-12 settimane per fiorire.

Quale è meglio: semi autofiorenti o femminizzati?

Dovrei comprare semi femminizzati regolari o autofiorenti semi fioriti?

https://www.youtube.com/watch?v=QiltcYjCHiY&t=20s

Non c’è una risposta facile a questa domanda poiché dipende davvero dalle tue preferenze personali e da situazione in crescita.

Se vuoi coltivare cannabis ma non hai molto spazio o tempo, allora le autofiorenti sono probabilmente la soluzione migliore.

Sono anche una buona scelta se sei nuovi alla coltivazione della cannabis poiché sono più facili da curare e hanno meno probabilità di essere ermafroditi (producono fiori maschili).

D’altra parte, se sei un coltivatore esperto e vuoi massimizzare la tua resa, i semi femminizzati sono probabilmente un’opzione migliore.

Possono richiedere un po ‘più di tempo per fiorire, ma in genere producono cime più grandi e più potenti.

Come scegliere?

Il modo migliore per scegliere tra semi automatici vs femminizzati è pensare a cosa vuoi dalle tue piante.

Se stai cercando un coltivazione facile e veloce, quindi scegli le autofiorenti.

Se stai cercando la massima resa e potenza, allora vai con semi femminizzati.

E se non riesci a decidere, perché non provare entrambi? Potresti essere sorpreso di quanto possano essere diversi i due tipi di piante.

I pro e i contro dei semi autofiorenti

Pro:

  • Le autofiorenti sono facili da coltivare e non richiedono molti esperienza.
  • Possono essere coltivati all’interno o all’esterno.
  • Fioriscono rapidamente e possono essere raccolti in appena 8 settimane.
  • Non si basano su un cambiamento nel ciclo di luce per iniziare la fioritura, quindi hanno meno probabilità di ermafroditi.
  • Sono in genere più piccole e più compatte delle piante femminizzate, rendendole più adatte per le operazioni di coltivazione stealth.

Contro:

  • Le autofiorenti di solito hanno una resa inferiore rispetto alle piante femminizzate.
  • Le loro cime sono in genere più piccole e meno potente delle cime femminizzate.
  • Possono essere più difficili da clonare.

I pro e i contro dei semi femminizzati

Pro:

  • Le piante femminizzate, in genere, hanno una resa maggiore rispetto alle piante autofiorenti.
  • Le loro cime sono in genere più grandi e più potenti delle cime autofiorenti.
  • Sono facili da clonare.

Contro:

  • I semi femminizzati possono essere coltivati solo in casa dove è possibile controllare il ciclo di luce.
  • Richiedono un po ‘più di esperienza per crescere rispetto alle autofiorenti.
  • Impiegano più tempo a fiorire, in genere 10-12 settimane.
  • Hanno maggiori probabilità di ermafroditi se sono esposti a stress durante la fase di fioritura.

Lascia un commento